Fisica

Particelle subatomiche: i neutrini sono davvero più veloci della luce?

Comments (3)
  1. different ha detto:

    Ciao,
    L’articolo non ha lo scopo di mostrare le nuove scoperte in ambito fisico, tanto meno è un’intervista agli scienziati che hanno condotto l’esperimento. La chiave di lettura non è questa.
    “Potrebbero sconvolgere il mondo della fisica”, questa frase non afferma degli sconvolgimenti accertati, ma della potenzialità. Le varie misure del “progetto Opera” sono solo un esempio di come sono stati studiati i neutrini, cosa che accade (come citato nell’articolo) anche in altre parti del mondo.
    Il punto centrale è la divulgazione della conoscenza sulle particelle subatomiche, in particolare dei neutrini.

    Grazie
    A presto
    different

  2. Alessandro ha detto:

    Voglio rispondere al commento di prima e beh l’articolo non dice nulla di certo, a me pare voglia solo far conoscere quello che sono i neutrini e appunto a parlato di quel vecchio esperimento, penso che anche l’autore lo sappia che i fatti sono stati smentiti, trovo interessante il modo in cui abbia esposto gli argomenti e mi ha lasciato l’impressione di un articolo fatto per avvicinare le persone piuttosto che parlare ad un pubblico gia esperto

  3. Io ha detto:

    Ma che razza di articolo è? Il risultato di OPERA alla presunta velocità dei neutrini è stato smentito dal team dello stesso esperimento che ha rivelato un cavo allacciato male nell’apparato e ha generato un errore nella misura della velocità. Misure con lo strumento corretto hanno confermato che i neutrini si muovono alla velocità della luce. È successo oramai anni fa. Perché non ci documentate prima di scrivere?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Oltre 2000 utenti si sono già iscritti alla nostra newsletter.
Rimani sempre aggiornato con noi.



Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi della legge n. 196/2003. Per ulteriori informazioni, clicca qui